• Dona il 5 per mille
  • Ottobre Rosa 2020
Previous Next

TITOLO DI “PRESIDENTE ONORARIO” AL DOTTOR GIOVANNI FABRIZIO E NUOVI INCARICHI NEL DIRETTIVO LILT DI CAMPOBASSO

E’ stato un consiglio direttivo pieno di emozioni e di significati quello dell’Associazione Provinciale di Campobasso della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori che si è riunito a Termoli nella sede di Via del Molinello ed in videoconferenza.

Il presidente Milena Franchella, a seguito della delibera del 30 novembre scorso, ha conferito al dottor Giovanni Fabrizio il titolo onorifico di “Presidente Onorario” della Lilt sezione di Campobasso. Come ha ricordato il presidente Franchella, il dottor Fabrizio dopo aver fondato la sezione di Campobasso, per ventanni con il suo lavoro e il suo impegno ricoprendo la carica di presidente, è riuscito a raggiungere importanti traguardi organizzando innumerevoli iniziative tese a promuovere e a rilanciare il messaggio della prevenzione. Appena la pandemia lo renderà possibile, è intenzione della presidente Franchella organizzare un evento con tutti gli associati per rendere il giusto tributo al dottor Fabrizio che lascia la carica di vicepresidente ma continuerà ad essere al fianco dei volontari LILT di Campobasso.

fabrizio

I presenti hanno poi provveduto alla nomina del nuovo vicepresidente conferita con voto palese a Francesco Fusco che ha accettato il nuovo incarico mantenendo contestualmente anche l’incarico di tesoriere.

Stesso discorso per il Consiglio Direttivo. Il posto lasciato vacante dal dottor Fabrizio doveva essere assegnato a Mariarosaria Consiglio, prima dei non eletti alle ultime elezioni del 29 novembre 2019 quando si era provveduto al rinnovo delle cariche. La Consiglio ha però rinunciato per motivi personali e a quel punto, al suo posto, è subentrato il secondo dei non eletti Michelino Caruso presente alla riunione.

E i prossimi mesi saranno davvero impegnativi per la LILT di Campobasso sia per la costituzione dei Comitati Etico e Scientifico della sezione sia per l’organizzazione degli eventi in occasione del prossimo centenario LILT.

MUSARTE: RACCOLTI FONDI PER IL PROGETTO KINTSUGI DELLA LILT DI CAMPOBASSO

4

Grande partecipazione di pubblico e magnifica serata quella che si è tenuta al Teatro Savoia di Campobasso con il Concerto per il Natale dell’Ensemble Femminile MusArte. Ma la serata, organizzata dalla LILT -Associazione provinciale di Campobasso e dal Comune di Campobasso, ha avuto uno scopo ancora più alto considerato che il ricavato dei biglietti andrà a finanziare il progetto Kintsugi.

Una squadra al femminile quella dell’Ensemble MusArte che sostiene altre donne segnate nel corpo e nell’anima dall’esperienza della malattia.

1

“I ringraziamenti più sentiti – afferma Milena Franchella, presidente dell’Associazione Provinciale di Campobasso - alla composizione al femminile di MusArte che ha offerto il ricavato del concerto di Natale al progetto Kintsugi che consiste in un percorso di estetica oncologica mutuando il termine giapponese dell’arte di riparare gli oggetti con della polvere d’oro, dando loro nuova vita, senza cancellare le ferite anzi, valorizzandole, facendone cioè un punto di partenza. Il tutto è stato reso possibile grazie all’impegno dei volontari dell’associazione provinciale della LILT e alla proficua collaborazione con il Comune di Campobasso. E grazie ancora a tutti gli spettatori che hanno assistito al pregevole concerto presso il Teatro Savoia contribuendo così a sostenere il nuovo progetto targato LILT Campobasso”.

6

PREVENIAMO IN MOVIMENTO: GRANDE PARTECIPAZIONE PER LA PASSEGGIATA NEL BORGO DI CAMPOBASSO

cb4

Grande partecipazione all’evento “Preveniamo in Movimento” targato Delegazione Comunale della LILT Città di Campobasso e patrocinato dalla Asrem e dal Comune di Campobasso, in collaborazione anche con l’Associazione Diabetici Molisani e l’U.O. Riabilitazione e Prevenzione Cardiovascolare.

cb3

Nonostante il freddo pungente di domenica scorsa e una leggera pioggerellina sulla parte finale del tragitto, una quarantina di “intrepidi eroi”, tra cui anche il Sindaco del capoluogo, hanno preso parte alla passeggiata nel borgo di Campobasso.

La partenza è stata allietata dagli studenti del Liceo Musicale Galanti di Campobasso che hanno suonato alcuni pezzi classici prima che il gruppo capitanato da Amerigo Di Giulio si mettesse in marcia. E poi i camminatori hanno fatto sosta al Ristorante Il Sagittario nel centro storico che ha offerto un aperitivo “alcool free” e la pausa è stata allietata da alcuni pezzi musicali suonati dalla street band dello stesso Liceo Galanti formata da ragazzi provenienti da molti paesi molisani.

cb6

Sulla linea del traguardo la LILT di Campobasso ha offerto dei sacchetti con frutta e rustici gentilmente offerti da Antonio Mercatone della Frutta e da Pasticceria Jolly.

Inoltre si ringraziano tutti gli altri sponsor che hanno sostenuto l’evento:  Macelleria di Natilli Nicola, SI.MA. srl, ELLE-EMME di Vinchiaturo, Acqua Sepinia, Walkonwine Spirits di Petti Marco, Bar Biferno di Angiolillo V., Molise Food srls, Zenzero Urban SpA.

L’attività sportiva è per l’Associazione Provinciale di Campobasso un vero caposaldo tanto che, condizioni meteo permettendo, vengono offerti corsi gratuiti e passeggiate durante tutto l’arco dell’anno grazie al socio Amerigo Di Giulio, istruttore di Nordic Walking.

PREVENIAMO IN MOVIMENTO: PASSEGGIATA NEL BORGO DI CAMPOBASSO

260087161 197211499276242 3934216668346609268 n

La Delegazione LILT di Campobasso continua la sua opera di sensibilizzazione verso la prevenzione sul territorio.

Con “Preveniamo in Movimento” la sezione del capoluogo invita tutti a partecipare domenica 12 dicembre alla passeggiata nel centro storico di Campobasso con ritrovo per la partenza alle ore 10:30 in piazza Municipio.

L’evento, patrocinato dalla Asrem e dal Comune di Campobasso, è stato organizzato in collaborazione anche con l’Associazione Diabetici Molisani e l’U.O. Riabilitazione e Prevenzione Cardiovascolare.

L’attività fisica è tra i capisaldi dei corretti stili di vita che sottendono alla prevenzione contro i tumori ma l’importanza di una costante e regolare attività fisica è utile per allontanare il rischio obesità e prevenire molteplici patologie. Alcuni studi attestano che le persone fisicamente attive hanno un’aspettativa di vita superiore di oltre 6 anni rispetto ai cosiddetti sedentari.

Infatti, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, la pratica di un’attività sportiva o motoria ha effetti benefici sullo stato di salute: 30 minuti al giorno di attività fisica moderata, corrispondenti più o meno a 10.000 passi per ottenere benefici per la salute.

Così la Delegazione LILT di Campobasso che ha già organizzato altri eventi sportivi con grande successo e partecipazione di pubblico, torna a proporre momenti di aggregazione e di sensibilizzazione contro lo stile di vita sedentario che ormai accomuna la maggior parte della popolazione e che amplifica in maniera considerevole il rischio di contrarre neoplasie rendendo quindi l’attività fisica una priorità per chiunque.

LILT FOR MEN: PERCORSO AZZURRO

259351829 6483849078352805 1912439278627201386 n

La campagna di sensibilizzazione diffusa dalla LILT recita “Se guardi in basso, ci vedi lungo” e, come spiega il presidente Francesco Schittulli, vuole ironizzare sulla resistenza che ancora molti uomini, specialmente i giovanissimi, esprimono rispetto all’appuntamento con l’andrologo “Dobbiamo educare i ragazzi alla prevenzione - ha detto Schittulli – sottoporsi a una visita di controllo è per molti ancora un tabù ma deve divenire un’abitudine per tutta la vita. Non dimentichiamo che il tumore al testicolo è il più frequente nei giovani adulti e che quello alla prostata registra ogni anno oltre 30.000 nuovi casi. Non sono certo dati da ignorare e come LILT non manchiamo di invitare i cittadini presso in nostri ambulatori: siamo in tutta Italia e abbiamo liste di attesa molto ristrette”.

"LEGGO INSIEME A TE LETTURE A TEMA": PRONTO IL VIAGGIO TRA POESIE E LETTURE

locandina lettura

Giovedì 4 novembre alle ore 16 presso la Cala Sveva si terrà l’incontro dal titolo “Leggo Insieme a te Letture a Tema”.

L’evento, organizzato dalla Consulta Femminile dell’Associazione Provinciale di Campobasso in collaborazione con l’associazione La Casa del Libro, è un “viaggio” accompagnato da poesie e letture a cui seguirà un laboratorio di scrittura creativa per concludersi con un dialogo con la psico-oncologa della LILT di Campobasso Marianna D’Aulerio e con l’oncologa Patrizia Farina.

L’accesso è consentito solo a chi, munito di mascherina, è in possesso di green pass o tampone non antecedente le 48 ore.

PREVENZIONE ONCOLOGICA: DA NOVEMBRE ARRIVA LO SCREENING PERCORSO AZZURRO

Una importante iniziativa di prevenzione oncologica rivolta ai soggetti di sesso maschile di età compresa tra i 50 ed i 70 anni, è in programma per il mese di novembre: torna la campagna nazionale della LILT Percorso Azzurro.

nastromen2020

L’iniziativa, predisposta dalla Regione Molise e dalla Direzione Strategica dell’Asrem, con la collaborazione della LILT di Campobasso e Isernia mira alla prevenzione dei tumori maschili dell’apparato genito-urinario.

Pertanto, per tutto il mese di novembre (a partire del 02/novembre) sarà possibile aderire alla iniziativa chiamando al call center ASREM dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 17 al numero verde 800.639.595 da telefono fisso oppure allo 0875.752626 da telefono cellulare.

Potrà essere prenotato il dosaggio del PSA e la visita urologica, munendosi di impegnativa del medico curante per le due prestazioni separatamente usando il codice di esenzione D03.

L’accesso è previsto in tutti gli ambulatori dei distretti di Termoli, Campobasso ed Isernia e negli ospedali di Termoli e Campobasso. L’accesso sarà consentito esclusivamente con green pass o tampone non antecedente alle 48 ore.

LILT CAMPOBASSO RILANCIA IL GRIDO DI ALLARME DEL PROF. SCHITTULLI: “MALATI ONCOLOGICI VITTIME COLLATERALI DEL CORONAVIRUS”

E’ di pochi giorni fa l’allarme lanciato nuovamente dal Presidente Nazionale LILT, prof. Francesco Schittulli, sul rallentamento delle attività di screening e prevenzione in questi due anni di pandemia.

Il Covid-19 sta influendo in maniera massiccia sulla vita di tutti ed in particolare sulle persone fragili e a pagare il prezzo più alto sono proprio i malati cronici e i pazienti che stavano già affrontando patologie come quelle oncologiche.

“Sono circa 380 mila – sottolinea il prof. Schittulli - le nuove diagnosi di tumore nel nostro Paese ogni anno, più di 180 mila i decessi, 4 milioni le persone malate che ogni giorno combattono con la malattia, oltre 800 mila le donne alle prese con il tumore al seno. Il cancro purtroppo rimane la malattia del secolo, sinonimo ancora di dolore, sofferenza, perdita degli affetti e morte”.

In questo triste quadro la pandemia ha rallentato se non del tutto cancellato le diagnosi precoci, il che comporterà diagnosi tardive sulle quali diminuisce l’efficacia delle terapie e che richiederanno interventi più invasivi compromettendo anche la qualità della vita.

“I malati oncologici – afferma la presidente della LILT Campobasso, dott.ssa Milena Franchella – si sono trovati ad affrontare, in questi due anni di pandemia, condizioni difficili con ritardi assistenziali e accessi contingentati. E’ necessario implementare al più presto gli screening della popolazione ed imprimere una forte accelerazione sulla prevenzione secondaria, non dimenticando l’importanza dei corretti stili di vita. Solo con la prevenzione si sconfigge il cancro”.

E l’Associazione Provinciale di Campobasso della LILT conosce bene la fame di prevenzione e analisi precoce grazie al grandissimo riscontro avuto nell’attivazione dello screening mammografico per le donne nella fascia d’eta compresa tra 45 e 49, nell’ambito della Campagna Nastro Rosa presso le radiologie degli ospedali molisani grazie alla fattiva collaborazione della Direzione ASREM e della Regione Molise. Vista la grande richiesta dei molisani, infatti, è stato autorizzato l’ampliamento delle giornate di adesione allo screening per riuscire a dare risposte alle centinaia di chiamate pervenute al centralino di prenotazione.

NATALE 2021: SCAMBIO DI AUGURI ONLINE

auguri2

Anche per questo Natale 2021 l’Associazione Provinciale di Campobasso ha scambiato gli auguri tra i soci volontari online, visto il riacuirsi dei contagi da Covid-19.

“Ero fiduciosa per questo 2021 – ha affermato la presidente Carmela Franchella – che non ci saremo ritrovati in una situazione difficile come quella che si è ripresentata adesso. Soprattutto per la categoria dei malati oncologici che è stata in questi ultimi due anni ancora più vulnerabile per il mancato accesso a servizi, controlli e terapie come prima della pandemia. Il nostro lavoro è incessante e per questo ringrazio tutti i volontari che quotidianamente si ispirano al principio di solidarietà, cardine della nostra associazione. In questo anno, reso difficile dalla pandemia, abbiamo portato avanti tante attività e grazie alla collaborazione con l’Asrem per la prima volta tantissime donne hanno potuto fare mammografie gratuite ed è stata ampliata l’offerta degli screening. Augurando a tutti un Sereno natale, ricordo che l’associazione si sta preparando a festeggiare il 25 febbraio prossimo il centenario LILT per cui saranno proposti tantissimi altri eventi”.

auguri2

 

LA LILT DI CAMPOBASSO PRESENTE ALLE LUMINARIE DI LARINO

locandine luminarie

L’Associazione Provinciale di Campobasso, in collaborazione con il Progetto “Ricomincio da me”, è presente anche all’evento delle luminarie di Larino.

Paola Di Iacovo è una giovane donna di Termoli che ha attraversato il duro viaggio della malattia oncologica. Ha lottato, ha sofferto ed è rinata ed ora con il suo progetto “Ricomincio da me” vuole essere di sostegno a tutte le donne che combattono contro questo mostro. In questo progetto Paola ha intorno a sé tante altre amiche che hanno vissuto la sua stessa esperienza.

2

La LILT di Campobasso non poteva non sposare e condividere un progetto così, considerato che l’impegno dell’associazione è profuso ormai da decenni a supporto dei pazienti oncologici sia nella forma di promozione della prevenzione sia nella forma di sostegno durante la fase critica della malattia ed ancora nella forma di accompagnamento nella delicata fase di riabilitazione.

Paola e la LILT si sono incontrati proprio su questo terreno affinchè le storie dei singoli possano essere di aiuto ad altre donne che stanno attraversando momenti cruciali e difficili, perché la diagnosi di tumore determina un profondo turbamento nelle persone che la ricevono. Ammalarsi di cancro è, infatti, un avvenimento traumatico che investe la dimensione fisica ed anche quella psicologica, quella dei rapporti interpersonali e sociali.

Per questo Paola e la LILT di Campobasso vi aspettano nei giorni dal 12 al 19 dicembre e il 26 dicembre e il 6 gennaio a partire dalle ore 17 presso lo spazio Avis nel centro storico di Larino per condividere le vostre storie. Scrivete la vostra letterina con emozioni e sentimenti ed imbucatela nella cassetta di Babbo Natale sotto l’albero rosa.

3

La prevenzione oncologica passa attraverso i libri

l 6

Lettura e prevenzione oncologica grazie all'evento organizzato dalla LILT di Campobasso con l'Associazione "La Casa del Libro". Un incontro che si è trasformato in un viaggio, il viaggio dell'eroe alla scoperta delle emozionie  dei sentimenti che sono propri non solo di chi attraversa il difficile percorso della malattia ma sono archetipi che accompagnano la vita di tutti gli uomini.

l 1

l 5

l 8

E attraverso le letture dei soci de "La Casa del Libro" si è andati alla scoperta di questi stati d'animo, di queste sensazioni ed emozioni, ma anche alla scoperta di messaggi nascosti nelle pagine di un libro che spesso aiutano a capire ed a superare momenti difficili.

l 4

l 3

Di seguito l'approfondimento con foto e video di Termolionline.it

https://www.termolionline.it/news/attualita/1074381/prevenzione-oncologica-e-letteratura-narrazione-culturale-e-scientifica

SCREENING PERCORSO AZZURRO: AMPLIAMENTO OFFERTA

In considerazione del notevole successo ottenuto dall'iniziativa e dall'elevatissimo numero di richieste che ancor oggi pervengono, si comunica, che è stato autorizzato dall'ASREM l’ampliamento delle giornate di adesione alla prevenzione dei tumori maschili dal 3 al 21 dicembre per un totale di ulteriori 214 visite.

Fotolia 182960235 Subscription Monthly M

Quest'iniziativa, così incisiva, è stata avviata quest'anno per la prima volta, grazie alla stretta collaborazione tra l'Istituzione ASREM e l'associazione LILT e rappresenta una grande opportunità per recuperare i ritardi dei controlli medici, aggravati dall'emergenza SARS-COVID-19. Essa garantisce servizi ambulatoriali aggiuntivi grazie alla fattiva collaborazione di tutti gli urologi della regione.

Si tratta di una possibilità fornita all’utenza grazie allo spirito di abnegazione messo in campo da tutti i soggetti coinvolti ed ovviamente in primis gli operatori sanitari.

Sarà possibile aderire alla iniziativa chiamando al call center ASREM dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 17 al numero verde 800.639.595 da telefono fisso oppure allo 0875.752626 da telefono cellulare.

Potrà essere prenotato il dosaggio del PSA e la visita urologica, munendosi di impegnativa del medico curante per le due prestazioni separatamente usando il codice di esenzione D01.

L’accesso è previsto in tutti gli ambulatori dei distretti di Termoli, Campobasso ed Isernia e negli ospedali di Termoli e Campobasso. L’accesso sarà consentito esclusivamente con green pass o tampone non antecedente alle 48 ore.

PREVENZIONE ONCOLOGICA: DA NOVEMBRE ARRIVA SCREENING PERCORSO AZZURRO

Per tutto il mese di novembre (a partire del 02/novembre) sarà possibile aderire alla iniziativa chiamando al call center ASREM dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 17 al numero verde 800.639.595 da telefono fisso oppure allo 0875.752626 da telefono cellulare.

Potrà essere prenotato il dosaggio del PSA e la visita urologica, munendosi di impegnativa del medico curante per le due prestazioni separatamente usando il codice di esenzione D03.

L’accesso è previsto in tutti gli ambulatori dei distretti di Termoli, Campobasso ed Isernia e negli ospedali di Termoli e Campobasso. L’accesso sarà consentito esclusivamente con green pass o tampone non antecedente alle 48 ore.

lilt for men

LILT FOR WOMEN - NASTRO ROSA 2021: ALTRE DATE PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO

Dall’11 ottobre all’11 novembre 2021, come già comunicato, è stato attivato lo screening mammografico per le donne nella fascia d’età compresa tra 45 e 49 anni, nell’ambito della Campagna Nastro Rosa della LILT, in collaborazione con la Regione Molise ed ASREM.
 
lilt2021
 
L’opportunità di sottoporre a screening le donne che rientrano nella fascia di età immediatamente precedente a quella inserita negli screening regionali è alla base di tale importante iniziativa.
Rilevata la grande risposta e la grande adesione, si è ritenuto opportuno autorizzare da parte di ASREM l’ampliamento della iniziativa.
Pertanto dal 12 al 25 novembre sarà ancora possibile aderire alla iniziativa chiamando al call center Asrem dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 17 al numero verde 800.639.595 da telefono fisso oppure allo 0875.752626 da telefono cellulare.
Per la prenotazione è necessario munirsi di impegnativa del medico curante con codice D03 (esenzione).
L’accesso all’esame mammografico, previsto negli ospedali di Termoli, Campobasso, Isernia, Larino e Agnone sarà consentito esclusivamente con green pass o tampone non antecedente alle 48 ore.
Grazie all’iniziativa, predisposta dalla Regione Molise, dalla Direzione Strategica dell'ASREM, ed alla disponibilità della Breast Unit regionale con la collaborazione della LILT di Campobasso e Isernia, si riusciranno a dare ancora tante risposte ed a proseguire nell’importante attività di screening.

LA LILT DI CAMPOBASSO PRESENTA IL CALENDARIO 2022

L’Associazione Provinciale di Campobasso ripercorre in 12 mesi tutte le iniziative svolte nello scorso anno e che ha visto impegnati i volontari nella diffusione della cultura della prevenzione oncologica.

Il calendario del 2022 targato LILT Campobasso ripercorre così un anno ricco di eventi, incontri ed iniziative ma anche un anno difficile in cui abbiamo dovuto affrontare la pandemia da Covid-19 che però non ha fermato i volontari nel sostenere e stare accanto ai pazienti oncologici anche se in modalità diverse.

IMG 20220108 WA0000

Attraverso le immagini nel calendario LILT si ricordano tanti momenti significativi dell’associazione provinciale. Si ripercorrono le riunioni e gli incontri nel periodo del lockdown tenuti online: le nuove tecnologie informatiche hanno caratterizzato non solo le riunioni dei soci ma anche le presentazioni dei progetti “Prenditi cura di te: il gusto della salute”, in collaborazione con l’Ipseoa Federico di Svevia di Termoli e l’Istituto Omnicomprensivo D’Ovidio di Larino, “Guadagnare Salute con la LILT” e “Alimenti-amo la salute”, progetto di ricerca per il potenziamento di buone pratiche alimentari con le scuole secondarie di primo grado, ma anche la “Giornata mondiale senza tabacco” con l’evento online organizzato dalla LILT Nazionale. E poi tanti incontri in presenza partendo dalle donazioni ricevute dal gruppo Seniores Ugaf dello stabilimento Fiat di Termoli e dagli studenti del liceo D’Ovidio di Larino per la vendita dell’annuario scolastico. E poi l’evento di fine giugno in collaborazione con Città dell’Olio la “Maratona tra gli Ulivi” a cui è seguita la presentazione a Molise Cinema del cortometraggio “Terra Sana per Uomini Sani”. Per passare ancora alla benedizione, in occasione di San Pio, dei mezzi di trasporto che non hanno mai smesso di accompagnare i pazienti oncologici a Campobasso per le terapie. Ed ancora l’inaugurazione della Delegazione Comunale Città di Campobasso, l’adozione della “casetta dei libri” a Termoli e il convegno di chiusura del progetto di ricerca sanitaria “Nuova Vita dopo la Malattia: recupero del benessere psico-sociale dei malati oncologici”. Senza dimenticare lo sport con le passeggiate di Nordic Walking guidate dall’istruttore Amerigo Di Giulio, la partecipazione a Trekk-Oil di Rotello, le lezioni gratuite di acqua-gym, la Camminata della Salute da Saepinum e Saipins e la Passeggiata nel Borgo di Campobasso. Per arrivare alle campagne nazionali Nastro Rosa e Percorso Azzurro durante le quali, grazie alla collaborazione con Asrem, per la prima volta tantissime donne hanno anche potuto fare mammografie gratuite con l’ampliamento dell’offerta degli screening e tantissimi uomini hanno potuto fare visite urologiche con dosaggio psa. Ma anche incontri informativi e divulgativi della cultura della prevenzione oncologica come l’incontro “LILT Leggo Insieme a te Letture a Tema”, in collaborazione con la Casa del Libro di Termoli. Per concludere con il progetto “50 Sfumature di Prevenzione” progetto di rete per la promozione di campagne informative sul Papilloma virus e le malattie sessualmente trasmesse con il convegno conclusivo tenutosi a Roma e la premiazione del contest “Dimmi che conosci l’hpv senza dirmi che conosci l’hpv (e che sai come prevenirlo) che ha visto l’affermazione del liceo D’Ovidio di Larino con primo e secondo posto.

Sono così condensate nel calendario di questo nuovo anno la maggior parte delle attività che hanno visto protagonista la LILT di Campobasso che continua nella sua opera di divulgazione della prevenzione oncologica e di supporto ai pazienti oncologici.

Il calendario è disponibile presso la segreteria di Termoli al numero 0875-714008 fino ad esaurimento copie.

DONAZIONE UGAF ALL’ASSOCIAZIONE PROVINCIALE DI CAMPOBASSO DELLA LILT

Per il secondo anno l’Associazione Provinciale di Campobasso della LILT riceve una generosa donazione dall’UGAF (Associazione Seniores Aziende Fiat).

assegno

Il gruppo degli Anziani Fiat non potendo anche quest’anno, a causa della pandemia da Covid-19, distribuire la strenna natalizia ai propri iscritti ha deciso, in accordo con la Direzione centrale torinese e con tutti gli associati, di devolvere l’importo a sei associazioni di volontariato che operano sul territorio.

Amerigo Di Giulio e Saverio Francabandiera, rispettivamente presidente e vice dell’UGAF termolese, hanno consegnato gli assegni dell’importo di € 500,00 ciascuno alle associazioni destinatarie. La consegna è stata fatta presso la sede della Misericordia di Termoli alla presenza dei referenti delle associazioni per dare lustro a questo grande gesto di solidarietà che dimostra vicinanza e sostegno al mondo del volontariato impegnato quotidianamente a supporto degli altri.

assegno1

“Ricevere anche quest’anno – ha affermato il tesoriere della LILT di Campobasso, Francesco Fusco, presente alla consegna dell’assegno – questa donazione è per noi molto significativo. Con l’UGAF abbiamo da tempo avviato una proficua collaborazione con progetti ed iniziative per la promozione della prevenzione. Speriamo al più presto di poter tornare a proporre eventi in presenza anche all’interno dello stabilimento termolese. Questa donazione ci aiuterà a continuare sul campo della prevenzione primaria, secondaria e terziaria, sui progetti tanto cari alla LILT e soprattutto sul trasporto dei malati oncologici verso i luoghi di cura che impegna quotidianamente forze fisiche dei nostri attivissimi volontari ma anche forze economiche con l’impegno di ben tre automobili. Per questo ringraziamo profondamente l’UGAF per averci ancora una volta sostenuto”.

50 SFUMATURE DI PREVENZIONE, UN ANNO DOPO: PIU' CONSAPEVOLEZZA SU HPV E VACCINO

Un anno di 50 sfumature di prevenzione, il progetto di rete che ha coinvolto 16 LILT del territorio italiano – Ascoli, Bergamo, Brescia, Campobasso, Catanzaro, Como, Genova, Lecco, Lodi, Milano Monza Brianza, Oristano, Pescara, Roma, Sassari, Trento, Varese di cui la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Milano Monza Brianza è capofila. L’attività, nata in seguito alla vittoria del bando per il 5xmille promosso da LILT Nazionale, ha come obiettivo promuovere una corretta informazione e rilevare le conoscenze di docenti, genitori e studenti sulle malattie sessualmente trasmesse e la vaccinazione per l’HPV.

IMG 20211212 174713

A conclusione del primo anno di attività, la LILT Milano Monza Brianza ha avviato un contest rivolto alle scuole che hanno partecipato al progetto: “Dimmi che conosci l’HPV senza dirmi che conosci l’HPV (e che sai come prevenirlo)!”. Ai ragazzi è stato chiesto di realizzare un video, una foto o una grafica per descrivere la propria conoscenza sul tema dell’HPV e della prevenzione senza però usare parole come papilloma virus, HPV, prevenzione, tumore, cancro, malattia e morte. Le classi vincitrici, premiate alla fine dell’evento conclusivo tenutosi a Roma il 24 novembre, sono state quattro: tre classi della scuola secondaria di I° grado “Francesco D’Ovidio” di Campobasso e una classe dell’Istituto di istruzione secondaria superiore “Alessandro Greppi” di Monticello Brianza.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

L'approfondimento sul sito www.lilt.it

https://www.lilt.it/notizie/primo-piano/2021/50-sfumature-di-prevenzione-un-anno-dopo-piu-consapevolezza-su-hpv-e-vaccino

LILT: una mostra a 100 giorni dal centenario

Inaugurata la mostra celebrativa "NEL FUTURO DA 100 ANNI": un racconto per immagini che ripercorre la lunga storia della LILT, tutti i suoi protagonisti, i riconoscimenti, la sua forte rete sul territorio e il costante impegno per sconfiggere il cancro. A tagliare il nastro della cerimonia inaugurale, nel corso della quale è stato svelato un totem con il countdown dei giorni che separano la LILT dal suo centenario, il Ministro Roberto Speranza e il Presidente Nazionale della LILT Francesco Schittulli. 

PHOTO 2021 11 19 09 17 26

Di seguito il link per visionare il video

https://www.facebook.com/liltsedecentrale/videos/416757913312025

LILT CAMPOBASSO: IL PROGETTO “NUOVA VITA DOPO LA MALATTIA” SUL SITO DELL'OMS

Il progetto “Nuova Vita dopo la Malattia: recupero del benessere psico-sociale dei malati oncologici” è stato pubblicato sul sito dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

nuova1

Arriva così un altro importantissimo riconoscimento per il progetto di ricerca sanitaria finanziato dalla LILT con i fondi del 5xmille, in collaborazione tra LILT Campobasso e LILT Ascoli Piceno per aumentare la qualità dell’assistenza dei pazienti oncologici grazie allo sportello LILT presso il Day Hospital dell’ospedale di Termoli.

nuova3

Al progetto hanno preso parte: Carmela Franchella (presidente LILT di Campobasso), Marianna D’Aulerio (psicoterapeuta), Claudia Spina (psicoterapeuta), Eleonora Iorio (nutrizionista), Mattia Scipioni (psicologo), Pierangela Antonecchia (tecnico della prevenzione/formatore), Marina Bellomo (educatore/formatore), Marina Cirelli (assistente sociale), Giuseppe Carfagno (tecnico informatico), Giovanni Fabrizio (chirurgo e presidente LILT di Campobasso) Francesco Carrozza (oncologo Responsabile del Day Hospital Oncologico al San Timoteo di Termoli) Patrizia Farina (oncologa), Domenica D’Addario (oncologa), Raffaele Trivisonne (Oncologo e presidente LILT di Ascoli Piceno), Barbara Sbrolla (psicoterapeuta), Francesca Giorgi (oncologa dell’Ospedale “Madonna del Soccorso” dell’ASUR Marche AV5), Alessandro Cicconi (psicoterapeuta), Silvia Di Battista (biologa nutrizionista).

nuova8

Il progetto che guarda i malati oncologici nella loro interezza con tutti i bisogni psicologici e nutrizionali collaterali alla malattia è stato protagonista anche del convegno che si è tenuto a Larino sui modelli gestionali in oncologia. Un modello che, attraverso un percorso di riabilitazione con approccio bio-psico-sociale, mira a facilitare il recupero funzionale, ridurre i tempi di degenza, garantire una migliore tollerabilita’ dei trattamenti e facilitare il reinserimento della persona nel suo contesto familiare.

Un obiettivo che l’Associazione Provinciale di Campobasso della LILT raggiunge grazie allo sportello di ascolto psico-oncologico, all’ambulatorio nutrizionale e ai percorsi info-motivazionali.

La diagnosi di tumore determina un profondo turbamento nelle persone che la ricevono, richiedendo una grande capacità di riadattamento. Di fatti, ammalarsi di cancro è un avvenimento traumatico che investe non solo la dimensione fisica ma anche quella psicologica, dei rapporti interpersonali e sociali, spesso determinando un peggioramento generale della qualità della vita della persona.

“Per ogni malato oncologico si parla di cancer survivorship – ha spiegato il dottor Francesco Torino, Ricercatore di Oncologia Medica e professore aggregato di Oncologia Medica presso l’Università di Roma Tor Vergata e consulente tecnico-scientifico della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori – comprendendo tutta la cerchia di familiari e amici del paziente. Nel 2005 è nato un documento dal titolo “from cancer patient to cancer survivor: lost in transition”. Perché già diversi anni fa ci si è resi conto che in effetti il problema vero del survivor è questa transizione: svestire cioè i panni del paziente e rivestire i panni di persona, per cui è necessario curare quattro aspetti specifici: sorvegliare sulla recidiva, intervenire sugli effetti fisici e psico-sociali, considerare i problemi legati a lavoro, disabilità e assicurazioni, coordinare a specialista e medico di medicina generale”.

nuova2

In Italia, sulla base dei dati aggiornati al 2020, vivono oltre tre milioni e mezzo di persone con storia personale di tumore. Di questi numeri negli ultimi anni sono in aumento donne e uomini sopravvissuti ai fatidici cinque anni dopo il cancro. Ma sopravvivere al cancro non è la stessa cosa di non averlo. La vita dopo il tumore non è la stessa di prima e spesso gli effetti collaterali impattano sulla qualità di vita.

“I problemi assistenziali – ha continuato il dottor Torino - che più frequentemente sono presenti nei cancer survivors possono essere una moltitudine e possono basarsi sul benessere psicologico, sociale ed anche religioso. In Canada ed in Australia ci sono diversi studi sui bisogni assistenziali dei survivors, in Italia invece non è stato effettuato nessuno studio e ad oggi noi non conosciamo quali sono le richieste e i bisogni. In questo campo si può fare e si deve fare ancora molto per portare il paziente alla vita normale. Questo ha una ricaduta in termini di impegno del sistema sanitario nazionale non indifferente e il follow up classico deve essere integrato di tutta una serie di elementi che vanno oltre il semplice monitoraggio della recidiva nell’ambito di un modello organizzativo e di utilizzo di una infrastruttura informativa che deve essere comune e condivisa e che vede l’impegno della medicina territoriale. La LILT si sta impegnando in questo campo perché da sempre fa prevenzione primaria e terziaria e può svolgere un compito di coordinamento tra l'Ospedale e i Servizi Socio-assistenziali perché è già ben strutturata sul territorio con una presenza capillare”.

Un modello gestionale a cui la LILT Nazionale sta lavorando ma che l’Associazione Provinciale di Campobasso della LILT sta già sperimentando con il lavoro quotidiano di professionisti e volontari presso lo Sportello Oncologico del Day Hospital all’ospedale di Termoli e con percorsi e risposte concrete a bisogni estemporanei che altrimenti non troverebbero soluzioni.

CAMPAGNA NASTRO ROSA 2021: LA LILT DI CAMPOBASSO A SEPINO TRA SPORT, NATURA, STORIA DEL TERRITORIO E PREVENZIONE ONCOLOGICA

s 9

Grande successo per la prima Giornata della Prevenzione Oncologica che si è tenuta domenica scorsa a Sepino organizzata dalla LILT di Campobasso in collaborazione con l’amministrazione comunale di Sepino, l’Avis Comunale di Termoli, l’Avis Comunale di Sepino e l’Associazione Sepino nel Cuore.

s 6

s 7

Circa 80 partecipanti hanno preso parte alla Camminata del benessere che è partita la mattina da Sepino ed ha percorso circa 6 chilometri fino all’antica Saepinum. Alla guida di Amerigo Di Giulio, istruttore di nordic walking e consigliere LILT, i partecipanti hanno attraversato paesaggi e scorci naturali del centro molisano passando per il convento e proseguendo fino all’antica città. Ad accogliere i camminatori all’ingresso di Altilia un gruppo di figuranti che hanno condotto una guida tra gli scavi archeologici alla scoperta delle bellezze architettoniche con un tuffo nel passato.

s 5

s 4

Nel pomeriggio il convegno “Prevenire è Vivere: il ruolo della prevenzione nella cura dei tumori” presso la Sala Santo Stefano ha ribadito l’importanza della prevenzione oncologica con gli interventi della dottoressa Milena Franchella, presidente LILT Campobasso, del dottor Giovanni Fabrizio, storico presidente e fondatore LILT Campobasso, e del dottor Francesco Carrozza, oncologo responsabile del Day Hospital presso l’ospedale di Termoli e responsabile scientifico del Registro Tumori Molise.

s 1

Sono state illustrate le iniziative e i servizi offerti dall’Associazione Provinciale di Campobasso della LILT che, nell’ottica del principio di sussidiarietà rispetto alla sanità pubblica, riesce a dare risposte concrete ai bisogni dei malati oncologici che vanno dal trasporto verso i luoghi di cura, alle consulenze nutrizionali e psico-oncologiche grazie allo Sportello Oncologico attivo presso il Day Hospital dell’ospedale di Termoli, oltre ad offrire visite e screening gratuiti nell’ambito delle campagne di prevenzione nazionale.

s 2